Trasforma un Dovere in un Piacere: aiuta i nostri amici

da833021-42f5-4ea5-93c1-c65638420767
locandina

Le storie, quelle belle.

pluto c1
pluto a

Quando tutto sembra perduto ecco che i nostri amici ci stupiscono…. Pluto non ne voleva proprio sapere di mettere quella benedetta pettorina e di uscire per fare una bella passeggiata, niente da fare. E dagli torto! Aveva passato tutta la sua vita libero in borgata vicino alla casa di chi gli dava da mangiare con la sua mamma e i suoi fratellini poi nel giro di poco tutto cambia , il papà umano muore e Pluto con mamma e i 3 fratellini si ritrovano in canile.
Luna, Bimbo ,Stella, e Lupetto imparano nel giro di poco a mettere collarino e guinzaglio e in breve tempo dei veri angeli li adottano ma Pluto no! Ci sono voluti mesi e l’infinita pazienza di alcuni volontari per fargli capire a suon di premietti che il guinzaglio voleva dire soprattutto libertà, amore e una nuova vita!!! Grazie Greta che dopo Luna hai voluto a tutti i costi riuscire “nell’impresa impossibile ” e adottare anche Pluto…grazie però a tutti quei volontari che non si sono mai arresi certi che prima o poi sarebbero riusciti a convincerlo e a farlo andare finalmente a casa.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Messi_20
robi_messi_2

Cosa vuol dire essere maltrattati? Francamente non lo so.

So che ho avuto male ogni volta che mi picchiavano e non ne capivo il perché.
E allora ho cercato rifugio in ciò che conoscevo, per non soccombere…
Io non so perché mordessi, o forse sì. Avevo semplicemente paura ed era l’unico modo che avevo imparato per difendermi.
E poi, gli anni sono passati. Otto anni sono lunghi.
I dubbi di cosa fare di me io li sentivo, nelle voci delle “zie e zii”; nei movimenti, nella diffidenza.
Ma sentivo anche la compassione.

Poi, piano piano gli esercizi, le regole impartite e l’affetto che sentivo ogni giorno crescere intorno. Tanto tempo, non so dire quanto.
Ma poi la vita ha ricominciato ad essere migliore, e gli umani non mi sono più sembrati tutti cosi cattivi, anzi.

Cosa posso dire ora di Roberto?
E’ il mio mondo, la mia vita, la mia rinascita.
Piano piano lui mi ha fatto conoscere la realtà oltre il cancello ed i prati.
Ha fatto diventare le sue abitudini le mie.
Ho imparato che andare al bar e sperare in un pezzo di dolcetto era il preludio alle gite lungo il lago.
Che esistono luoghi più caldi e confortevoli di una gabbia e che dormire sui cuscini mi fa sentire… un re.
Che gli altri cani sono simpatici (anche se non tutti!) e che giocare con loro è bello.
Che condividere insieme i momenti allegri e quelli tristi rende la vita di entrambi meno solitaria.

***

Le storie, quelle belle parlano di piccoli miracoli che forse non avresti mai sperato di vedere realizzarsi.
Le storie, quelle belle raccontano di come a volte nulla sia perduto.
Le storie quelle belle raccontano di come l’affetto, la sintonia ed un pizzico di fortuna possano cambiare il mondo…
Non per tutti ovviamente – umani o cani che siano.
Ma a Messi è andata bene.

Vita al Bau

PLUTO_10
FRED_1

Dicono che sei vecchio
Eppure tutti sappiamo che un tempo eri giovane, bello e vigoroso. Forse con un carattere spigoloso ma non è questo che determina la fortuna – e a volte il caso – tra chi va e chi resta dietro a queste sbarre.

Dicono che sei vecchio
Hanno un mesto sorriso e tirano dritto verso la gabbia accanto dove il futuro incalza.

Dicono che sei vecchio
Ma per chi ti ama dall’inizio hai sempre un sorriso, una coda che scondinzola.
La voglia di trasmettere il tuo affetto e la tua voglia di vivere, e di avere un futuro.
Perché il tempo non si può mutare, ma il destino magari quello sì.

Dicono che sei vecchio
Eppure quando mi siedo accanto a te il tempo si ferma ed insieme corriamo nei campi di sempre, e siamo felici.
A volte è la fantasia a raccontarci la realtà più bella.

I protagonisti di questo racconto:
PlutoFredGingerRio

Liberamente ispirato al testo “Spalle al muro” di Renato Zero

ginger_1
Rio_11
prospettiva_2

Diventa volontario/a

Essere un volontario vuol dire guardare il mondo dalla stessa loro prospettiva…

Prima di arrivare a fondare l’Associazione, ciascuno di noi è stato per anni volontario in uno o più canili.
Decidere di fare il volontario non è una scelta “immediata”.
C’è la paura di non riuscire a sostenere la vista dei cani in gabbia… dei loro occhi tristi. Lasciatemi dire che non è così!
Nonostante la loro condizione non sia quella ideale, i cani riescono comunque a trasmettere la loro voglia di vivere e regalare loro una passeggiata o una corsa in un prato e qualche carezza, è tanto per loro.
E lo sanno dimostrare.

p.s. per gentile concessione di esserci “intrufolati” nella  loro privacy di MilaShiro – Eros

Scopri di più

Come aiutarci

Fai una donazione

Tutta l’attività e le risorse economiche del nostro Rifugio si basano sul lavoro dei volontari e sulle vostre donazioni.

E’ grazie all’incontro fondamentale di questi due elementi che possiamo ogni giorno nutrire, curare, accudire e dare il meglio possibile ai nostri ospiti.
Per questo nelle sezioni sotto riportate trovere alcuni semplici modalità con cui contribuire alla vita del Rifugio e contribuire ad una vita il più possibile dignitosa ai nostri ospiti in attesa di una casa.

La nostra Associazione ed il nostro Rifugio hanno bisogno di contributi economici perchè i costi da sostenere per mantenere un alto livello di cure sono importanti.

Abbiamo bisogno di tempo perchè il lavoro dei volontari è prezioso e senza questo elemento il Rifugio non potrebbe sopravvivere nelle attuali modalità.

Abbiamo bisogno di partecipazione come madrine/padrini a distanza, ma anche alle nostre feste, ai nostri momenti di aggregazione, alle nostre pagine social.
Siamo una comunità che può esistere proprio perchè vitale e dinamica!

Se vuoi anche conoscere Achille clicca qui!
Achille_2

Adotta a distanza

Adottare un cane a distanza è senz’altro una grande dimostrazione di sensibilità!
Dare il proprio amore, aiutando a mantenerlo in una struttura idonea ma senza avere la gioia di averlo accanto ogni giorno, è comunque una scelta generosa!
Senza contare che è possibile, anzi, auspicabile, venire in Rifugio a trovarlo appena si può.
Quale cane adottare a distanza? Solitamente consigliamo un cane che abbia meno possibilità di adozione, vuoi per età, che per carattere o per timidezza.
A tutti i nostri ospiti auguriamo di trovare presto una famiglia, questo è il nostro scopo!!! Purtroppo non tutti sono così fortunati; alcuni finiscono per trascorrere molti anni (se non tutta la loro vita) con noi. E noi siamo per loro “casa” e “famiglia”.

Scopri di più
_DSC1394 ciccio

I volontari raccontano

Contatti

Scrivici

    278035792_2034997963349225_1948749
    Scrivici

    manda una e-mail a:

    info@bastardini.it

    Visita il rifugio

    Via Caselette 71, Alpignano (TO)

    Tutti i pomeriggi dalle 15 alle 18 (eccetto mercoledì)

    Chiamaci per maggiori info

    339.81.39.335

    Tutti i pomeriggi dalle 15 alle 18
    (tranne domenica e festivi)
    In alternativa potete contattare, tramite SMS o Whatsapp a qualsiasi ora, il numero 331.33.14.254  e verrete ricontattati il prima possibile

    Seguici sui Social

    Ospiti del rifugio

    Benvenuti nel sito dell'Associazione Bastardini. Qui trovate i nostri cagnolini in attesa di una famiglia ospitati presso il nostro "Rifugio il Bau"!

    Adotta subito

    Le Bau iniziative

    In questa pagina potrete trovare informazioni sui nostri calendari, le uova di pasqua, i panettoni e di tutte le iniziative possibili per aiutarci a finanziare il nostro Rifugio!

    Scopri come

    Notizie dal Rifugio

    Aggiornamenti, news, storie di vita quotidiana...

    Scopri di più

    Notizie da cani

    King il guerriero, per sempre con noi

    Leggi di più